lunedì 16 ottobre 2017

Buco Cattivo : storia dell'esplorazione (1950)

16.04.50 Buco Cattivo – Frasassi (Genga, AN). Part: Angelo Bolletta, Desiderio Dottori, Luigi Fossa Margutti + Umberto Cerioni, Franco Mazzarini, Roberto Reitano.




Ia esplorazione del “Buco Cattivo” nella zona speleologica di S. Vittore di Genga

Appena giunti alla stazione di Genga Arcevia abbiamo la sgradita sorpresa di incontrare 4 elementi del G.S.M. che erano venuti con il nostro stesso treno. Così che dai loro discorsi veniamo a sapere che pure loro erano diretti al “Buco Cattivo”, la nostra meta e la loro erano le stesse. Raggiunte le Terme....

domenica 25 giugno 2017

Basta poco...



un filo d'erba

Luce intensa, radente alla parete e contro il viso. Quasi impossibile guardare in alto se non per pochi secondi prima di essere accecati …

L'ultima protezione, un chiodo, è giù in basso oltre  10 metri sotto ai piedi . La sosta con due spit ad un passo, quasi a portata di mano . Posso mettere un friend in una fessura per proteggermi, ma non lo faccio . Allungo la mano verso la maglia rapida del vertice della sosta: è già attrezzata con cordini che uniscono  i due ancoraggi in serie  e un  anello di calata per la discesa in corda doppia . Non ci arrivo, è una spanna oltre la mia portata. 

giovedì 8 giugno 2017

sempre li , stiamo. l'essere ( o cercare di essere) esploratore ...

ESTRATTO DA “UN ALTRO GIRO DI GIOSTRA” di  TIZIANO TERZANI.


…ero solo vecchio, senza più obblighi, e volevo essere quel che ho sempre voluto essere: esploratore. Non più del mondo esterno – più o meno quello l’ho conosciuto – ma del mondo che da sempre i saggi di tutte le culture dicono essere dentro ognuno di noi.


L’uomo moderno pensa sempre meno a quel mondo. Non ne ha il tempo. Spesso non ne ha l’occasione. La vita che facciamo, specie nelle città, non ci fa più pensare in grande, presi come siamo a correre in continuazione dietro a un qualche dettaglio, a una qualche piccolezza che ci fa perdere il senso del tutto. Me ne ero accorto, alla fine, nel mio stesso mestiere.

sabato 3 giugno 2017

L'ultima gita ...


                              Gli indifferenti 
          (tratto da "La città futura" di Antonio Gramsci )

Odio gli indifferenti. Credo come Federico Hebbel che "vivere vuol dire essere partigiani". Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere mcittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti. 

giovedì 4 maggio 2017

Monte Oddeu , un anno dopo ...


Il 4 maggio 2017  ritorniamo all' Oddeu per concludere apertura della via , lasciata in sospeso l'anno prima al settimo tiro ....