sabato 3 giugno 2017

L'ultima gita ...


                              Gli indifferenti 
          (tratto da "La città futura" di Antonio Gramsci )

Odio gli indifferenti. Credo come Federico Hebbel che "vivere vuol dire essere partigiani". Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere mcittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.